monica zucchelli mz adi studio architettura di interni interior designer lodi italia




Monica Zucchelli interior designer,nata a Lodi nel 1972, dopo la specializzazione in architettura di interni presso l’Accademia Arti Applicate di Milano, nel 1995 inizio l’attivita’ di progettista in alcuni studi del settore. La passione per il mio lavoro e la continua ricerca di una esperienza globale a livello professionale ed umano, mi porta a collaborare con uno Studio di Pechino, dividendo la mia esperienza lavorativa tra l’Italia e la Cina.

Una forte esperienza questa, che ha maturato in me una visione poliedrica dell’ interior designer e delle sue funzioni che mi ha aiutato a non limitarmi al solo campo della progettazione, in senso puramente tecnico, ma ad allargare il raggio di azione a piu’ campi, fra i tanti cito la collaborazione con le riviste del settore.

Da questa collaborazione nasce nel 2001 la possibilita’ di allestire una mostra evento, relativa al mondo del bagno, durante la fiera “ LA MIA CASA” a Milano.
L’informazione e la presa visione della realta’ che ci circonda fa parte dell’interior designer,per questo ritengo fondamentale la ricerca di tutto cio’ che puo’ aiutare un professionista a svolgere al meglio la sua professione, infatti a tale scopo:

- 2001 CORSO DI ARCHITETTURA BIOLOGICA tenuto dall’ A.N.A.B
- 2003 CORSO DI COLORE tenuto da Franke Mahnke presidente dell’IACC ( INTERNATIONAL ASSOCIATION COLOR CONSULTANTS )
- 2004 CORSO DI ILLUMINOTECNICA mirato agli ambienti interni, presso LIGHTING ACADEMY, riconosciuto dall’ISTITUTO NAZIONALE DI OTTICA APPLICATA
- 2005 MASTER IN GESTIONE DEGLI EVENTI CULTURALI.

Dall’ ottobre del 2004 lavoro nel mio studio,nel quale svolgo principalmente la professione dell’interior designer,sia per privati che per studi prettamente tecnici.
Nella mia professione rientra anche la progettazione di arredi su misura, che svolgo in collaborazione con aziende del settore e tutto cio’ che fa parte del complemento di arredo.

A conclusione di quello che ho scritto posso dire, che per quanto riguarda il mio modo di progettare,non esistono delle regole ben precise, se non quelle puramente tecniche e dettate dai regolamenti. Si puo’ parlare piuttosto di una sorta di approccio, di una prima conoscenza di cio’ che sara’ oggetto del progetto.E’ un primo incontro dal quale poi scaturiranno una serie di approfondimenti, di valutazioni,attraverso le quali si arrivera’ ad un comune denominatore ossia il progetto vero e proprio.

Il progetto diventa una entita’ nuova, che nasce da questo percorso conoscitivo tra il progettista e l’oggetto o meglio il soggetto del progetto. Il progetto che si crea il risultato di tre elementi fondamentali:

- l’impatto immediato,dal quale scaturisce l’originalita’ del progetto
- la funzionalita’
- il risultato estetico

Quando riesco a trovare il giusto equilibrio tra questi elementi, solo in questo caso posso ritenere terminata la fase progettuale, perche’ credo che un buon progetto per ritenersi tale non debba essere sprovvisto di nessuno di questi……………..





Monica Zucchelli interior designer, born in Lodi in 1972, after the degree in interior architecture at the Academy of applied arts in Milan, in 1995  start design job in architectural firms. The passion for my work and the continuous search for a global professional-level experience and human, leads me to cooperate with Beijing's study, dividing the my work between Italy and China.
With this strong experience has matured into me a multifaceted vision of interior designers and its functions that helped me not to limit myself to only design field, in purely technical sense, but to broaden the range to more fields, among the many fields I work to magazines.
For this collaboration  in 2001 i can setting up an exhibition event on the world of bath, during the exhibition "MY HOUSE" in Milan.
The information and the vision of the reality that surrounds us is part of interior designers, for this I believe fundamental research into everything that can help a designer to perform to the best of his profession, for this I follow:
-2001  ARCHITECTURE biologic COURSE held from A.N.A. B
-2003  COLOR COURSE taught by Franke Mahnke President of IACC (INTERNATIONAL ASSOCIATION of COLOR CONSULTANTS)
-2004 COURSE targeted to LIGHTING indoors, at LIGHTING ACADEMY, recognized by the National Institute of APPLIED OPTICS
-2005 MASTER IN MANAGEMENT of cultural events.
Since October 2004 I work in my studio, where I do the Interior Designer , both for individuals and for technical studies.
My profession is also the design of bespoke furniture, which I carry out in collaboration with companies and everything that is part of the furnishing complement.
At the conclusion of what I wrote I can say, that as far as my way of designing, there are no specific rules, if not purely technical ones and dictated by the regulations. You can speak rather of a sort of approach, of a prior knowledge of what will be covered by the project.It's a first meeting from which then will a series of in-depth studies, assessments, through which you arrive at a common denominator which is the real project.
The project becomes a new entity, born from this cognitive path between the designer and the object or the subject of the project. The project that you create is the result of three basic elements:
-the immediate impact, from which flows the originality of the project
-the functionality
-the aesthetic result
When I can find the right balance between these elements, only in this case I can feel at the end of the design phase, 'cause I think a good project to be considered as such should not be deprived of any of these.................





















2015 MZ ADI STUDIO. All rights reserved